Come ottimizzare il tuo curriculum: spunti pratici da utilizzare subito

In questo mercato veloce e competitivo, poter ottimizzare il tuo curriculum per renderlo più impressionante e d’effetto è il passo decisivo per distinguersi dagli altri. Una recente ricerca mostra come i reclutatori aziendali impieghino in media 6,25 secondi a guardare il curriculum di un aspirante candidato; impressionante vero? Quindi, come permettere al tuo curriculum di distinguersi in così poco tempo? Ecco alcuni validi consigli, che dovresti mettere subito in pratica, per permettere colpire il tuo futuro reclutatole e permetterti di distinguerti dagli altri. Iniziamo.

Sii conciso per ottimizzare al massimo il tuo curriculum

Il tuo curriculum non deve essere la lista completa di tutti i lavori che hai fatto nella tua vita, ma dovrebbe contenere esclusivamente le esperienze distintive e importanti per la posizione per la quale ti stai candidando. Per ottimizzare il tuo curriculum dovresti mostrare i punti salienti e pertinenti della tua carriera ed essere completamente concentrato sui risultati che hai ottenuto in questo tempo.

Formato grafico

Scegli un font di buona leggibilità con un’adeguata dimensione (non scendere mai sotto i 12 pt). Ricorda che loghi e immagini non sono importanti ma al massimo puoi inserire una tua (piccola) fotografia in apertura vicino ai tuoi dati personali. Ricorda che questa immagine deve colpire e quindi devi trasmettere affidabilità e professionalità: studia al meglio abbigliamento (la foto deve essere a tre quarti), luce e posizione.

Sottolinea le tue doti

Rendi ben visibili le informazioni più importanti in alto. Questo aiuterà il reclutatore a concentrarsi su ciò che rende unico il tuo curriculum e sul motivo per cui dovresti essere considerato per il lavoro.

Il layout

Studia al meglio il layout grafico in modo da chiarire subito cosa sai fare e i lavori svolti. Un esempio di layout potrebbe essere: – Nome della ditta – Mansione di lavoro ricoperta – Data di assunzione (da mese / anno a mese / anno) – Responsabilità (disponi il discorso in elenchi puntati come guida per fornire dettagli utili sulla tipologia di progetto, le dimensioni del team, ecc). Aggiungi i numeri quando puoi per enfatizzare i risultati ottenuti come KPI, entrate, la quantità di persone influenzate dal tuo lavoro e in che percentuale hai superato i tuoi obiettivi.

Titoli di studio

Metti sempre per primo il grado superiore andando a retroso. Aggiungi votazione finale e periodo (da mese / anno a mese / anno). Aggiungi, se ne hai, borse di studio o qualsiasi tipologia di studio all’estero. Questo è un valore aggiuntivo molto importante.

Aggiungi gli studi in corso

Se stai studiando per affinare le tue abilità linguistiche o stai svolgendo un corso in mansioni affini alla posizione per cui ti stai candidando, non aspettare la fine per aggiungerlo perchè proprio questo potrebbe diventare il punto chiave del tuo curriculum. Piuttosto che ometterlo, di la verità affermando che sei attualmente in corso.

Premi

Se ne hai, includi solo premi recenti rilevanti per la tua attuale carriera e che siano stati distintivi per la tua formazione. In questa sezione vanno aggiunti anche brevetti e pubblicazioni.

Decidi se includere una lettera di presentazione

In questo caso dovrai decidere caso per caso in base a quello che ti viene richiesto. In via generale però, la risposta è “no”: i reclutatori generalmente affrontano il sovraccarico di informazioni prestano molta poca attenzione alle lettere di presentazione. In ogni caso, capita che sia diretta richiesta del datore di lavoro allegare al cv una lettera di presentazione. In tal caso, applica lo stesso approccio che stai utilizzando con il tuo curriculum: specifico, vero, focalizzato sui risultati e pertinente. Sii riassuntivo adattando la lettera alla posizione alla quale ti stai candidando specificando, nella parte finale, perchè dovrebbero scegliere te rispetto ad altri.

Controllo ortografico

Non c’è cosa più brutta che trovare errori ortografici all’interno di un curriculum. Oltre che un basso livello culturale sottolinea una poca professionalità e una non curanza nell’invio stesso. Leggi e rileggi sempre più volte tutto il testo e magari stampalo per controllare anche il layout e che il carattere sia ben leggibile. Leggilo mettendoti nei panni del manager che lo leggerà e, se tutto andrà bene, ti intervisterà. se puoi chiedi a una terza persona di esaminare l’intero documento prima di inviarlo.

Aggiornalo costantemente

L’ultimo consiglio che vogliamo darti è di tenere sempre aggiornato il tuo curriculum. Solo in questo modo potrai essere sicuro di avere sempre di essere accurato e preciso. Scopri i nostri servizi di risorse umane.

More Articles

Menu